07 Agosto 2020
articoli
percorso: Home > articoli > Cronaca

PIGNATARO MAGGIORE (CE) - ASSOLTO IL GIORNALISTA ENZO PALMESANO DALL´ENNESIMA QUERELA NEI SUOI CONFRONTI.

07-07-2011 19:14 - Cronaca
Il giudice monocratico del Tribunale di Salerno, dott. Ubaldo Perrotta, ha assolto il giornalista Enzo Palmesano (difeso dall´avvocato Salvatore Piccolo di Luigi, storico difensore del giornalista pignatarese) dall´accusa di diffamazione a mezzo stampa perché "il fatto non sussiste". Non è la prima volta che il giornalista è oggetto di querele per le inchieste giornalistiche, ma è sempre risultato assolto con ampia formula. Palmesano era finito sotto processo a seguito di una querela di P. R., che si era sentito leso da alcune inchieste giornalistiche sulla camorra locale pubblicate all´epoca dal quotidiano locale "Giornale di Caserta e - assistito dall´avvocato Carlo De Stavola - aveva presentato querela il 30 marzo 2004, ma non ha avuto successo in sede giudiziaria incassando una dura sconfitta. A conclusione del processo, nel quale P. R. si era costituito parte civile con l´avvocato Rocco Trombetti (dello studio De Stavola-Trombetti) il pubblico ministero di udienza aveva chiesto la condanna del giornalista a quattro mesi di reclusione, ma evidentemente hanno avuto la meglio le argomentazioni del difensore dell´imputato.

Molto aspri i toni usati in dibattimento, che, alla prova dei fatti, hanno favorito la difesa. Tra i testimoni sentiti nel dibattimento anche il collaboratore di giustizia Antonio Abbate e l´ex direttore responsabile del "Giornale di Caserta" Francesca Nardi.

Va ricordato che il giudice monocratico che ha assolto Enzo Palmesano, il dott. Ubaldo Perrotta, è un magistrato molto conosciuto perché estensore - con la dott.ssa Gabriella Piantadosi e il presidente dott. Daniele Cenci - di una storica sentenza del Tribunale di Potenza sulla "quinta mafia", quella dei cosiddetti "Basilischi", che imperava in Basilicata, illustrando all´epoca con settecento pagine di motivazioni depositate il 18 giugno 2008 gli elementi per i quali quella banda criminale avesse le caratteristiche (come la mafia, la ´ndrangheta, la camorra e la Sacra corona unita) dell´associazione per delinquere di stampo mafioso. Il dott. Ubaldo Perrotta aveva quindi tutti i requisiti di esperienza per capire al volo di che cosa si trattasse, quando al Tribunale di Salerno ha avuto di fronte l´imputato giornalista Enzo Palmesano. E´ finita come doveva finire, con l´assoluzione di Palmesano con la più ampia delle formule, appunto il reato di diffamazione a mezzo stampa "non sussiste". "Una bella vittoria per il giornalismo d´inchiesta" - ha commentato il giornalista Palmesano - quando ha appreso dell´assoluzione piena, senza minimamente accennare al fatto che tuttavia il procedimento è durato circa 4 anni, con numerose udienze alle quali il giornalista ha sempre partecipato, sottraendo evidentemente tempo ad altre cose.

Come sempre l´Avv. Piccolo, proprietario di questo sito, che nell´esercizio della professione forense è solito evitare personalizzazioni delle cause dei propri assistiti ed anche assumere, in favore dei propri assistiti, condotte processuali corrette nei confronti delle parti processuali, non ha voluto commentare la sentenza e neppure i fatti, limitandosi a riportare in questa sede unicamente un parte di un comunicato stampa diffuso in rete sulla vicenda.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio