24 Settembre 2020
articoli
percorso: Home > articoli > Cronaca

Preoccupazione per il fenomeno sismico ormai in atto dal 22 Agosto. La popolazione chiede di sapere notizie scientifiche e di adottare piani di protezione civile adeguati.

14-09-2019 11:46 - Cronaca
Sparanise (Cristiano Mattei). All’indomani dei primi fenomeni sismici verificatisi il giorno 22 agosto (tre lievi scosse in poche ore) nell’agro caleno con epicentro Francolise avevamo segnalato l'allarme da parte della popolazione. La cosa che appariva anomala era che il fenomeno si presentava, da subito, come un fenomeno di sciame sismico ovvero non una scossa isolata, ma più scosse intervallate da poco tempo. A distanza di circa 22 giorni dalle prime scosse , l’allarme lanciato anche senza precise nozioni scientifiche, appare sempre più fondato. Negli ultimi giorni , infatti si sono registrate nuove lievi scosse, l’ultima mercoledì 11 settembre, mentre un'altra scossa era stata registrata il 7 settembre ed una scossa più intensa si era verificata il 31 agosto. Tutte le scosse sono di lieve entità , la più intensa ha fatto registrare una magnitudo di 2.3 in data 31 agosto, hanno tutte epicentro Francolise e sono tutte localizzate in zona abbastanza vicina alla superfice e per questo sono tutte avvertite dalle popolazioni della zona, in particolare tra i cittadini di Francolise e Sparanise. Non ci sono notizie precise sull’entità del fenomeno in corso e non risulta che le autorità competenti abbiano diramato avvertenze, anche solo precauzionali, di protezione civile. Eppure , senza voler lanciar inutili allarmi, sarebbe il caso, a questo punto, visto il perdurare dei fenomeni sismici in forma di sciame che le autorità territoriali competenti, in primis le amministrazioni comunali dei comuni di Francolise e Sparanise, di chiedere chiarimenti agli organismi scientifici di Protezione Civile circa l’entità del fenomeno sismico ed i rischi per la popolazione. I cittadini chiedono di essere informati con notizie precise e scientificamente valide anche in relazione all’eventuale rischio di un sisma più intenso ed essere preparati per la nefasta eventualità in maniera adeguata, magari predisponendo un piano di emergenza idoneo.
Non è possibile più rimandare e sperare che il fenomeno si attenui o cessi da solo. Occorre agire e chiedere immediatamente notizie scientifiche circa il fenomeno sismico in atto e regolarsi, senza perdere tempo, di conseguenza con dei seri piani di protezione civile. Senza nascondere che a Sparanise un semplice acquazzone di fine estate crea danni notevoli, non osiamo immaginare un fenomeno sismico consistente cosa potrebbe rappresentare per la popolazione.
Non si tratta di allarmismo, ma di buon senso perchè si tratta di un fenomeno sismico che non può più essere ignorato.

Riproduzione riservata - citare sempre la fonte www.avvocatosalvatorepiccolo.it


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio