19 Ottobre 2019
[]
articoli
percorso: Home > articoli > Cronaca

Pubblicati i dati Regionali sulla raccolta dei rifiuti per il 2018. Peggiora il dato del Comune di Sparanise: meno 4 rispetto allo scorso anno, meno 7 rispetto all'amministrazione precedente. Della gara per i rifiuti da 2 milioni di euro ancora alcuna notizia ufficiale.

08-10-2019 13:30 - Cronaca
Sparanise (Cristiano Mattei) – La Regione Campania ha reso note le percentuali di raccolta differenziata dei comuni per l'anno 2018. Si parla di “dati della produzione e della percentuale di Raccolta differenziata e tasso di riciclaggio dei rifiuti urbani” raccolti, elaborati e resi pubblici dall'Osservatorio Regionale sulla Gestione dei Rifiuti. Si tratta di dati che i Comuni o, per essi, i gestori del servizio di raccolta sono tenuti obbligatoriamente a comunicare , compilando mensilmente appositi modulari e schedari. Nell'intera provincia di Caserta il comune più riciclone, con l'83,32%, è la piccola comunità di Castello del Matese.
Terra di Lavoro si ferma ad un tasso di differenziata totale di appena il 51,97%. Benevento la provincia più virtuosa con il 70,74%, poi Avellino, con il 63,66%, Salerno 61,90%. Peggio di Caserta, solo Napoli al 47,82%.
Per il 2018 i comuni più virtuosi sono stati il già citato Castello del Matese 83,82%,Marcianise 79,73%,Santa Maria a Vico 77,94%, Parete 77, 46%, Galluccio 77,42%, Conca della Campania 76,47%, Cervino 75,90%, Rocchetta e Croce 75,08%, Trentola Ducenta 74,17%, Arienzo 73,91%,Capodrise 72,84%,Mignano Monte Lungo 72,34%,San Cipriano d'Aversa 72,16%, Liberi 71,89%, Roccamonfina 71,60%, Recale 70,96%, Santa Maria la Fossa 70,87%, Rocca d'Evandro 70,67%, Presenzano 69,96%, Vairano Patenora 69,71%
Peggiora nello specifico il dato di Sparanise che raggiunge appena il 61,82% con una tasso di riciclaggio pari al 47,84%, con una produzione pro capite di Rifiuti Urbani pari a 431 KG. L'anno precedente il 2017 i dati certificati dell'Osservatorio avevano registrato il dato del 65,87% di raccolta differenziata con un tasso di riciclaggio pari al 52,50 % per una produzione pro capite di rifiuti pari a 412 KG. In un solo anno , dunque, l'amministrazione comunale di Sparanise, pur non diminuendo il costo del servizio e le corrispondenti tasse, ha peggiorato il risultato della raccolta differenziata di ben 4 punti percentuali , diminuendo di altrettanti punti anche il tasso di riciclaggio.

Un peggioramento dei dati per l'amministrazione di Sparanise ancora più evidente se i dati vengono confrontanti con la precedente amministrazione. Infatti nel 2014 (amministrazione Merola, assessore al ramo Rosanna De Simone) i dati certificati dell'Osservatorio regionale a fronte di una produzione pro capite superiore a quella attuale , nel 2014 la produzione pro capite era pari a 451 KG, la percentuale certificata di raccolta differenziata era pari al 68,00,ben 7 punti percentuali in più di quella attuale.
Il peggioramento della situazione non è solo una questione di dati e di statistiche rilevanti, ai fini del calcolo del costo complessivo del servizio a carico delle casse comunali , perché solo qualche settimana fa i dipendenti addetti nel territorio di Sparanise hanno attuato una protesta che ha comportato la mancata raccolta dei rifiuti per le strade con ovvie problematiche. I lavoratori del settore di Sparanise protestavano per il mancato pagamento dello stipendio da circa due mesi. Nel frattempo il Comune di Sparanise ha bandito un appalto pubblico di evidenza europea per un importo , rilevante, di circa 2 milioni di euro per affidare il servizio in maniera organica e senza affidamenti provvisori. L'assegnazione dell'appalto di valore economico notevole, senza dubbio la gara di appalto più importante sotto il profilo economico negli ultimi anni, potrebbe portare ad un miglioramento del servizio e magari , in futuro, anche ad una diminuzione della tassa locale specificha. Sicuramente la tassa più cara che pagano i cittadini. Tuttavia , ad oggi, nonostante il termine per la partecipazione alla gara sia scaduto da tempo, ed il Comune di Sparanise abbia nominato nella commissione di gara il Comandante della Polizia Municipale Dr. Giovanni Fusco ed il responsabile dell'area tecnica, arch. Antonio Cerullo, quest'ultimo chiamato a ricoprire l'incarico per nomina semi-fiduciaria del sindaco ai sensi dell'art.110 TUEL, degli esiti della gara di appalta ancora non si hanno notizie ufficiali circa l'aggiudicazione, il numero delle imprese partecipanti, eventuali esclusioni o altro.

Riproduzione riservata citare sempre la fonte – www.avvocatosalvatorepiccolo.it

Articolo in parte pubblicato sul quotidiano Cronache di Caserta del 09/10/2019

Documenti allegati

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio