19 Ottobre 2019
[]
articoli
percorso: Home > articoli > Cronaca

Rifiuti per strada, dilaga la protesta dei dipendenti che non ricevono lo stipendio. I residenti :"paese ormai invivibile"

28-09-2019 13:18 - Cronaca
Sparanise (Cristiano Mattei). Ancora disagi per i cittadini di Sparanise per la protesta dei dipendenti della ditta che di occupa della raccolta dei rifiuti. I dipendenti non ricevono lo stipendio da circa due mesi e per questo hanno deciso di interrompere il servizio di raccolta. I dipendenti impegnati nella raccolta dei rifiuti , per lo più residenti in loco, sono circa 15 unità che passano alle dipendenze delle varie ditte impegnate nella raccolta dei rifiuti. In effetti si tratta di ditte che si succedono con frequente rapidità, tra gare termporanee ed affidi con ordinanza. A volte, per gli anni passati, le ditte in questione hanno anche subito provvedimenti di interdittiva antimafia. Sono nomi e ditte che poi ricorrono, in alcuni casi, anche nelle cronache giudiziarie. Questa volta i disagi sembrano causati dalla ditta GPN s.r.l. con sede in Sant’Anastasia , sarebbe questa società a non aver pagato gli stipendi ai dipendenti. Gli stessi dipendenti hanno fatto sapere che proseguiranno nella loro legittima protesta fin quando non percepiranno le mensilità di stipendio arretrati, con la conseguenza di vedere a Sparanise i sacchetti per strada , abbandonati e spesso preda di animali randagi. La GPN s.r.l. ditta alla quale è affidato in questo momento il servizio di raccolta dovrebbe essere sostituita all’esito della gara bandita dall’amministrazione comunale. La gara di rilievo europeo per effetto della somma, pari a poco meni di 2 milioni di euro, è stata ormai espletata in questi giorni presso la Stazione Unica Appaltante di Caserta, per il Comune di Sparanise all’istruzione della gara, benchè svoltasi presso la SUA di Caserta, hanno partecipato il comandante della Polizia Muncipale Giovanni Fusco ed il responsabile , temporaneo ex art. 110 TUEL, dell’ufficio tecnico Arch. Antonio Cerullo. In questi giorni dovrebbero conoscersi gli esiti della gara, il cui termine ultimo per la presentazione delle offerte è scaduto lo scorso 13 settembre 2019. Potrebbe darsi che l’aggiudicazione della gara porti alla risoluzione del problema. Intanto i residenti temono che eventuali piogge, tipiche del periodo di stagione, potrebbero causare nuovi allagamenti che questa volta coinvolgerebbero anche i rifiuti abbandonati per strada creando una situazioni davvero insostenibile sotto il profilo della vivibilità. I continui allagamenti hanno determinato un anomalo proliferare di insetti, sopratutto zanzare, che sopratutto nelle zone del centro storico contribuiscono ad un peggioramento degli standard di vivibilità.

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio