21 Aprile 2024
[]
articoli
percorso: Home > articoli > Cronaca

Si pente Francesco Schiavone detto Sandokan. Attesa per le dichiarazioni già rese e per quelle future.

29-03-2024 19:44 - Cronaca
Venerdì della Santa Pasqua dell’anno 2024 arriva la notizia dell’inizio della collaborazione con la Giustizia di Francesco Schiavone detto Sandokan. La notizia diffusa con un clamoroso scoop dal quotidiano Cronache di Caserta, grazie all’impegno dell’apprezzato del giornalista Giuseppe Tallino, è di quelle epocali. Schiavone è stato, infatti, il capo indiscusso del famigerato clan dei casalesi, il rifondatore dopo la scomparsa, ancora misteriosa, di Bardellino del sodalizio criminale che ha controllato dapprima l’intera Provincia di Caserta e poi ha esteso le ramificazioni nel territorio nazionale ed internazionale. Quello che nella vulgata è definito un pentimento è in realtà un complesso programma, stipulato con lo Stato, che è già in una fase avanzata perché la legislazione in materia prevede dei tempi rigorosi per rendere le dichiarazioni di interesse della magistratura antecedenti, per ovvi motivi, alla diffusione della notizia. La valutazione della portata delle dichiarazioni sarà apprezzata certamente nei prossimi giorni, ma già adesso l’impatto mediatico è notevole. Quando un capo mafia decide di collaborare con la Giustizia significa che lo Stato ha vinto. L’opinione pubblica ora attende gli esiti delle dichiarazioni di Schiavone e l’attesa è rilevante in quei Comuni della Provincia di Caserta dove già le autorità hanno acceso i riflettori per prevenire e combattere le organizzazioni criminali. In questo momento in Provincia di Caserta l’unico Comune commissariato per infiltrazioni camorristiche è Sparanise, mentre nella vicina Calvi è stata inviata la commissione di accesso per verificare la sussistenza di infiltrazioni camorristiche. Sparanise e Calvi Risorta, come emerge dalle relazioni che la DIA trasmesse con cadenza periodica al parlamento, sono territori attribuiti all’influenza criminale diretta di Francesco Schiavone Sandokan che aveva affidato il territorio ad un luogotenente di sua fiducia. Le dichiarazioni del vecchio padrino sul territorio possono, dunque, oggi fornire un contributo determinante per sconfiggere definitivamente la camorra.


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy
 obbligatorio
cookie