26 Ottobre 2020
articoli
percorso: Home > articoli > Cronaca

Piccola storia triste: arrestato il sindaco di Sparanise.

12-02-2019 19:04 - Cronaca
Sparanise è costituito in Municipio da oltre 200 anni. In duecento anni di storia locale non era mai accaduto che il Sindaco in carica fosse arrestato.
Questo è il dato più evidente che crea stupore e dispiacere nella popolazione.
Non vogliamo entrare nel merito della questione giudiziaria che ha portato all’arresto di Salvatore Martiello perché da sempre siamo convinti del fatto che i processi vadano celebrati nelle aule giudiziarie.
Sempre convinti dell’innocenza fino al passaggio in giudicato della sentenza di condanna di qualunque indagato applichiamo questo principio, di natura costituzionale , anche a Martiello al quale anche auguriamo di chiarire la sua posizione davanti ai Magistrati che a breve lo vedranno comparire in vinculis.
Sempre come avvertenza preliminare segnaliamo, a chi legge, che non abbiamo mai gioito quando una persona viene arrestata e non è nostra intenzione iniziare adesso.
Anzi da avvocato difensore conosciamo le sofferenze che provano i congiunti dell’arrestato nelle operazioni necessarie alla formalizzazione dello stato detentivo e delle sofferenze certe che si provano quando si perde la libertà.
Per questo solidarizziamo umanamente verso coloro che per tali fatti soffrono.
Ciò detto non possiamo che esprimere , come d’altra parte è sentimento comune della popolazione di Sparanise , massima ed incondizionata fiducia nella magistratura tanto inquirente che requirente e siamo certi che la magistratura sammaritana saprà fare Giustizia.
Non vogliamo , neppure , commentare le accuse nei confronti dell’arrestato sapendo con certezza che saranno i valorosi magistrati inquirenti a far valere la pubblica accusa al meglio.
Quello che invece dobbiamo dire è che Sparanise è finita in prima pagina nei telegiornali , sui giornali ed in questo momento tutto il paese commenta una vicenda di cronaca che è grave. L’arresto del sindaco in carica.
Il TG3 Campania nel commentare l’arresto ha sottolineato, mostrando il video autoprodotto in campagna elettorale, quali erano i modi e i toni utilizzati da Martiello contro i precedenti amministratori accusati di non aver amministrato bene il paese.
La scorsa campagna elettorale venne portata avanti con lo slogan dialettale “cet accis” volendo additare all’opinione pubblica con termini e messaggi giustizialisti un passato di malaffare e cattiva amministrazione.
Come si è visto le cose stanno diversamente e la nostra sensibilità garantista , propria di chi calca le aule di giustizia da oltre vent’anni , ci consente di usare toni diversi. Perché noi siamo diversi!
Non occorre aggiungere altro in ordine ai propositi di legalità e di trasparenza diffusi ancora oggi sui social network da Martiello perché la questione è ormai approdata alle aule di giustizia.
Potevamo , all’indomani delle elezioni , salire sul carro dei vincitori come pure frequentemente accade ed è accaduto nella nostra concittadina, ma la nostra coscienza e la dignità di non essere asserviti al potere ci ha spinti , da subito , a criticare un amministrazione che ci sembrava diretta in maniera negativa. Per tutta risposta abbiamo ricevuto offese ed ostracismo, ma noi abbiamo le spalle forti e sappiamo reagire. Chi invece non ha la nostra forza e non ha potuto reagire oggi tira un sospiro di sollievo perché vede vacillare, sotto i colpi delle inchieste giudiziarie, un sindaco capace di usare toni spesso offensivi con gli avversari e di disprezzare chiunque la pensasse diversamente.

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio